giovedì 13 giugno 2013

Napoli, 13/06/2013



Ancora un numero per onorare la “specificità” dei numeri, ente che può essere considerato “anodino” (nella sua accezione più pura, algebrica) oppure portatore di innumerevoli caratteristiche, associate ai più vari significati.
A me piace pensare che i numeri non siano “solo” dei numeri ma una rappresentazione “semplificata” di enti più complessi…
 AlexFocus

____------------------______------------------________---------------___________

Proprietà del numero 55



Simbolismo


·         Rappresenta la Persona Divina, secondo Abellio.
·         Secondo R. Allendy, rappresenta "la vita individuale confuso con la vita cosmica; rapporti della vita con il tutto alla vita delle parti nell'individualità,  5+ 5= 10".

Rappresenta il limite dell'umanità, secondo Ernst Bindel.
Secondo Lima di Freitas [un pittore, illustratore, ceramista e scrittore portoghese, n.d.A.], simboleggia “la fusione dei sessi, l'essere androgino, ma che, a dispetto della sua perfezione, rimane strettamente umano”.

·         Numero rappresentativo della Vergine Maria.

 
 
Rappresenta l'uomo totale e completo, simboleggiato dalle due mani che congiunge al momento della preghiera per riprodurre l'unità nel modulo di dieci, ma essendo anche in grado di esprimere sotto la forma del 55, "somma nei sensi della saggezza divina" secondo san Martino di Tours.
A sinistra una bella immagine del miracolo dell’ “estate di san Martino”, che si verifica ancora adesso, in pieno autunno quando, dopo le prime gelate, si verificano alcune giornate particolarmente tiepide, perché, secondo la tradizione, l’ufficiale “cincitor” (cioè colui che effettuava le ronde notturne) trovò, in una fredda notte di autunno incipiente nel 338, un povero seminudo e, non avendo danaro con se, tagliò metà del suo mantello per darlo al mendicante.


Generale


·         Cinquantacinque anni separano l'Annunciazione dall'Assunzione della Vergine.
·         Questo numero si trova nel rosario della Vergine Maria: il cerchio formato dalla collana è composto di 55 grani. Nelle visioni di Maria Agreda, essa ha menzionato un numero misterioso attaccato a una collana la cui descrizione fa pensare al rosario. Alcuni giorni prima della nascita di Gesù, la Vergine Maria è stata portata in Cielo. Come segno dei privilegi che ella aveva sia come Moglie di Dio sia come Regina dell'Universo, è stata coperta da due serafini di vestiti e gioielli splendidi, tra cui una collana alla quale erano appese tre pietre preziose con un numero misterioso il cui significato non è stato scoperto da Lei. E solo dopo la nascita del Salvatore il segreto del numero dell'ornamento Le è stato rivelato.
·         Essendo Redentore col Cristo, la Vergine si è sentita in una maniera misteriosa sul suo corpo tutte sofferenze di suo Figlio dall'inizio della sua passione. Dopo la morte di Gesù in croce, queste sofferenze sono continuate ancora e questo fino alla risurrezione di lei Figlio Divino. Per 55 ore ha sostenuto le sue sofferenze dall'inizio dell'agonia di Gesù al Getsemani [“il frantoio” che si trovava sul monte degli ulivi, n.d.A.] fino alla sua risurrezione. Il numero 55 può essere visto anche come l'unione delle 5 ferite fisiche di Gesù con le 5 ferite mistiche di Maria.
·         Il rosario della Sacra Famiglia è composto da 55 grani, divisi in cinque decine. Sui grani piccoli sono invocati i nomi di Gesù, Maria e Giuseppe. Sui grani ordinari c’è una preghiera indirizzata al Cuore sacro di Gesù per proteggere le nostre famiglie. Finalmente, sulla croce, la preghiera sul retro è detta "atti di Fede, di Speranza e di Carità".
·         Le Apparizioni della Vergine Maria ad Amsterdam (Olanda), cominciarono il 25 marzo del 1945, festa dell'Annunciazione, e continuarono fino al 31 maggio del 1959. Ci furono, in totale, 55 apparizioni. La Nostra Signora apparve ad una donna di mezza età di nome Ida Perleman e le confidò una comunicazione riguardante gli eventi futuri nel mondo e della Chiesa. La profezia più significativa data da Nostra Signora concerne l’ultimo dogma della storia che sarà promulgato dal Papa. Questo dogma dichiarerà che d'ora innanzi, Maria porterà i titoli di Redentore insieme a Cristo, Mediatore e Difensore.
·         Uno studio rabbinico enumera 55 profeti, divisi in 48 profeti e 7 profetesse. Questo elenco appare nel Commento di Rachi su Meguilla 14a.
·         I Buriati conoscevano 99 dei, divisi in 55 buoni e 44 cattivi. Questi due gruppi di dei lottarono molto a lungo tra loro.
·         Il "Hits'eu", che è un commento del "Yi King", sviluppa il sistema di numeri:
o     "Al Cielo appartiene 1; alla Terra 2, al Cielo 3; alla Terra 4; al Cielo 5; alla Terra 6; al Cielo 7; alla Terra 8; al Cielo 9; alla Terra 10 (...). I numeri celestiali giungono a 25, ed numeri terrestri a 30. I numeri del Cielo e della Terra raggiungono il numero di 55 insieme. E’ da questi numeri che ci si accinge a cambi e trasformazioni, e da cui i demoni sono mantenuti (...)."
·         Il decibel, decima parte dell’unità "bel", è usato misurare l’intensità del suono. La voce umana ha un’intensità media di 55 decibel ed il tuono di 70.
·         Somma delle due seguenti serie di numeri: 1, 2, 4, 8 (potenze di 2) ed 1, 3, 9, 27 (potenze di 3), è anche la somma dei numeri da uno al dieci, cioè il “decimo numero triangolare[in pratica 1 + 2 = 3 + 3 = 6 + 4 = 10 + 5 = 15 + 6 = 21 + 7 = 28 + 8 = 36 + 9 = 35 + 10 = 55].
·         Anatolio [Vescovo di Laodicea (268-282 d.C.), dapprima prete ad Alessandria, noto per la cultura filosofica e matematica; dopo una rivolta (probabilmente 264), fu trattenuto a Laodicea come successore del vescovo Eusebio, suo antico compagno] indica che 55 è anche la somma delle parti aliquote di 36 (cioè i suoi divisori, 1+2+3+4+6+9+12+18= 55), la somma di 5 numeri successivi triangolari [partendo dal 2 ed arrivando al 6, si costruiscono dei triangoli equilateri di punti di lato 2, 3, 4, 5 e 6, i quali contengono rispettivamente 3, 6, 10, 15, 21 punti, vedi figura seguente, da cui 3+6+10+15+21= 55) e la somma dei quadrati dei primi 5 numeri (12, 22, 32, 42, 52 cioè 1+4+9+16+25= 55).


·         L’elemento di numero atomico 55 è il cesio (simbolo Cs). Appartiene all’insieme dei metalli alcalini ed ha un aspetto simile all’argento / oro, non è duro anzi è malleabile, con un punto di fusione poco superiore alla temperatura ambiente. Si usa particolarmente per costruire un riferimento in orologi atomici. Ma ha anche numerose altre applicazioni tecniche, comprese quelle astronautiche.
·         Anniversario di matrimonio: nozze di smeraldo.

 

Gematria

 
·         Valore numerico del nome della Vergine Maria (= alchimia), ottenuto usando il seguente alfabeto numerico: A= 1, B= 2, C= 3, D= 4, E= 5, F= 6, G= 7, H= 8, I= 9, K= 10, L= 11 e M= 13. Questa informazione è stata rivelata dalla Benedetta Vergine ad Andreae, Rosicruciano, la cui storia è raccontata da lui stesso nel "Noces Chymiques Christian Rose-Croix", Anthroposophiques Romandes Editoria, Geneva. Ma fu rilevata un'anomalia da alcuni commentatori: un "errore di stampa" (qui riprodotto in valori numerici delle lettere) sarebbe sfuggito nel numero che fornisce il totale della somma delle lettere della parola "alchimia" poichè il totale è 56 e non 55. Ciononostante, la Vergine dichiara categoricamente che il numero del suo nome è 55.
·         Questo numero si può considerare come il valore numerico della prima parola della Genesi se scriviamo il primo verso in lingua greca e non in ebraico:
“E n   -  a r c h                -   e p o i h s e n” 
5, 50  - 1, 100, 600, 8  -  5, 80, 70, 10, 8, 200, 5, 50 
 55    - 709                   - 428 
“In - origine (Egli) - ha fatto”

 

Ricorrenze


·         Il numero 55 è usato 2 volte nella Bibbia.
·         Per 55 volte il Nuovo Testamento si riferisce alla Vergine Maria: 26 volte con la parola “madre”, 10 volte con la parola “donna” e 19 volte col nome “Maria”. Nel NRSV il nome di Maria compare 55 volte.
·         Alla fine del suo Vangelo, S. Giovanni dedica in totale 55 versi (capitolo 20 e 21) per descrivere le manifestazioni di Cristo [il vocabolo greco utilizzato è Παρουσία  cioè “parousia”, n.d.A.] che hanno avuto luogo dopo la sua morte, cioè la sua risurrezione e le sue apparizioni alle tre donne di nome “Maria” [Maria, madre di Gesù, Maria Maddalena (o “di Magdala”) e Maria di Cleofa] ed ai discepoli.
·         Le parole “trono” e “numero” sono usate 55 volte nel NT.

0 commenti:

Post più popolari

Lettori fissi

Powered by Blogger.