giovedì 26 settembre 2013


Proprietà del numero 60
________________________________________
Simbolismo

       Rappresenta il karma globale dell'Universo e l'azione provvidenziale generale esercitata su tutto il mondo, secondo R. Allendy.

       J. Boehme chiama questo numero "LaTerra" .

       Questo numero corrisponde alla lettera ebraica "Samekh", rappresentando il serpente tentatore astrale di Eva – col Karma cosmico. Esso corrisponde anche al 15° Arcano dei Tarocchi: il Diavolo, che raffigura (in un certo modo) il destino cosmico.

 

Bibbia

       San Paolo prescrive che una donna può essere registrata nel gruppo di vedove solo se ella ha un’età di almeno 60 anni. (1 Ti 5,9)

       La larghezza e l'altezza del tempio di Gerusalemme è di 60 cubiti [il cubito ebraico era lungo circa 44,45 cm, quindi 60 x 44,45 cm = 26,67 mt, n.d.A.]. ( Esd 6,3 )
       La statua d'oro che il re Nabucodonosor fece costruire era alto di 60 cubiti. ( Dn 3,1 )
       Il Cantico dei Cantici cita 60 valorosi cavalieri che circondano Salomone. (Ct 3,7 )
       In una dei poemi di Salomone è scritto " Ci sono 60 regine e 80 concubine, (ed innumerevoli ragazze). La mia colomba è l’unica e sola". (Ct 6,8 )

 

Generale

       Il Rosario (Rosario cattolico) della Vergine Maria è composto da 60 grani.

       I 60 discepoli del Buddha, che si sono dispersi per evangelizzare il mondo.

       Si è attribuito a Fo-Hi l'invenzione dei cicli di 60 anni attraverso il dieci "Kan" (tronchi) e il dodici "Tche" (rami). Tre cicli di 60 anni formano un "San-Yuen" e 60 "San Yuen" formato un nuovo periodo.

       La base 60 (sistema di notazione matematica) era la base universale per la Mesopotamia. Anu, padre degli dei, l’avrebbe usata per strutturare il mondo. Anche i Sumeri ed i Babilonesi utilizzarono il sistema sessagesimale.

       Secondo l'antica tradizione dei Dogon , il mondo è stato creato dalla voce di Ama, esattamente come la Bibbia, la quale dice che è stato creato dalla Parola del Signore [“All’inizio era il Verbo. Il Verbo era presso Dio, Il verbo era Dio”, Giovanni: 1,1]. Il tempo e lo spazio sono stati creati dal cattivo angelo Ogo che ha fatto a piedi 8'000 volte 60 gradini in 60 periodi, vale a dire 28,8 milioni di gradini.

       Questo è il numero viene definito "molto abbondante", dal momento che la somma dei suoi divisori (le parti aliquote) dà un risultato superiore a 60: 1 + 2 + 3 + 4 + 6 + 10 +12 + 15 + 20 + 30 = 103.

       prodotto di 3 x 4 x 5, che ricorda il teorema di Pitagora: 3 ² + 4 ² = 5 ² [cioè un triangolo rettangolo con cateti di 3 e 4 unità, che danno luogo ad un’ipotenusa di 5 unità, n.d.A.].

       Alcuni popoli misuravano l'anno per mezzo delle lune, la coincidenza con l'anno solare si verifica in un ciclo di 60 anni.

       Un periodo di 60 giorni è stato utilizzato come misura del tempo per alcuni popoli, come gli indiani, i cinesi e gli egiziani.

       Numero di anni che dura un ciclo completo del calendario lunare cinese.

       Il caldeo Targoum parla delle 60 lettere della benedizione trasmessa a Mosè.

       La Società dei Sessanta è la più antica tra le società letterarie. É certificata nel 4° secolo prima della nostra era ed è stata fondata nel tempio di Eracle, in Diomede, comune dell’Attica. La sua fama si diffuse lontano e Filippo di Macedonia inviò ai suoi membri un contributo di un talento d'oro [circa 36 kg, n.d.A.], al fine di essere tenuto al corrente delle loro opere.
       Dall'inizio del secondo millennio a.C., spiega lo storico dei numeri Georges Ifrah, i Magi [i sacerdoti assiro-babilonesi, n.d.A.] attribuivano un numero particolare a ogni dio del loro Pantheon, seguendo un ordine decrescente che traduceva la gerarchia delle celebrità. Quindi 60 era associato ad Anu, dio del cielo, 50 a Enlil, dio della Terra, 40 a Ea, dea delle acque profonde [queste tre divinità costituivano la triade superiore della teogonia sumerica, n.d.A.], ecc

              La distanza media tra la Terra e la Luna [384.403 km] è 60 volte il raggio terrestre medio [6371 km].

       Nelle antiche misure di peso , il talento valeva 60 mine .

       Il quadrato magico A , la cui somma è 60 , è un pò speciale, infatti, permutando le due cife che compongono ogni numero di questo quadrato magico, si ottiene un nuovo quadrato magico , B, di somma 204 .

 

00

13

21

09

17

 

00

31

12

90

71

06

19

02

10

23

 

60

91

20

01

32

12

20

08

16

04

 

21

02

80

61

40

18

01

14

22

05

 

81

10

41

22

50

24

07

15

03

11

 

42

70

51

30

11

 

 

A

 

 

 

 

 

B

 

 

       Anniversario di matrimonio: nozze di diamante.

       L’elemento di numero atomico 60 è il neodimio (simbolo Nd); esso si presenta come metallo lucente di colore tra il giallastro e l’argenteo. Essendo abbastanza reattivo, in aria perde rapidamente la sua lucentezza ma l’ossido che si forma non protegge il metallo sottostante da ulteriore ossidazione. Pertanto dovrebbe essere conservato sotto vuoto od in atmosfera inerte. Reagisce lentamente in acqua fredda ed, ovviamente, in modo rapido con acqua calda. Il neodimio trova applicazione nella produzione di televisori a colori, lampade fluorescenti, lampade a risparmio energetico e vetri. Ma esso è comunemente usato per realizzare leghe (ad es. pietrine per accendini). La sua più importante lega è neodimio, ferro e boro (NIB), usata per realizzare ottimi magneti permanenti, ma si usa anche per colorare i vetri di protezione dal riflesso giallo di fiamme al sodio (nelle maschere dei saldatori) ma si usa anche per colorare il vetro di porpora.

Ricorrenze

       Il numero 60 è usato 32 volte nella Bibbia - 26 volte in OT e 6 volte nel NT.

       Il NT utilizza nel complesso 60 numeri diversi , di cui 53 si trovano sia nel VT e il NT , e gli altri 7 solo nel NT.

       Per 60 volte nel Nuovo Testamento si parla nella Vergine Maria: 26 volte usando la parola “madre”, 10 volte con la parola “donna”, 3 volte con la parola “Vergine”, 2 volte con la parola “serva” e 19 volte con il nome “Maria”.

       Il numero 60 viene utilizzato solo una volta nel Corano. ( Corano LVIII , 5)

       La parola “Sabbath[sabato, per gli ebrei è equivalente alla domenica cristiana, ed al venerdì musulmano, n.d.A.] è usata 60 volte nel NT .


martedì 17 settembre 2013


Napoli, 17/09/2013

Forse il 17 è il mio giorno fortunato, magari perché è quello di nascita.
Forse vi sono delle coincidenze astrali che concorrono, in modi misteriosi, per noi che abbiamo solo la luce della ragione a rischiarare il cammino della vita mortale (se siamo fortunati, anche il dono della fede ci accompagna, ci sostiene e ci consola).
Forse sono altre cose che non sono capace di immaginare, entità come (ad esempio) gli angeli custodi, gli eoni, i folletti (se devo lavorare di fantasia posso esagerare…) che ci danno quei “colpettini” impercettibili per indirizzarci dov’è meglio pernoi anche se non ce ne rendiamo conto e, magari, bestemmiamo perché le cose non vanno come diciamo noi.
Ebbene, per non farla lunga, oggi ho scoperto di avere un nuovo capo ma egli è lontano almeno 250 km, quindi il primo contatto sarà telefonico e gli dovrò dire che dobbiamo incontrarci di persona per i motivi seguenti.

classica stretta di mano

La parola è una delle caratteristiche concomitanti (cioè che si trovano tutte e tre insieme in un unico soggetto) le quali distinguono l’essere umano dagli altri animali, le altre due sono la stazione ertta ed il pollice opponibile) per questo, quando ci incontriamo, specie la prma volta, ci stringiamo la mano, in piedi, guardandoci negli occhi.
Poi parliamo con voce ben udibile, perché parlar chiaro è diritto-dovere degli uomini veri (ovviamente, ça va sans dire, vale anche per le donne…), quelli che volgiono sottoscrivere, con un semplice gesto, un patto, una lunga amicizia.
Ma perché questo riesca, ciò che è nel nostro cuore deve trovare posto anche nella nostra bocca e nella nostra mente e poi, se usiamo un coltello, è solo per dividere la verità dalla menzogna perché “solo la verità ci renderà liberi”.

Khalil Gibran

Parlare non è aggressione ma offerta dei nostri valori più intimi, preziosi e segreti: le idee che sonnecchiano nelle praterie della nostra anima (come diceva il poeta libanese Khalil Gibran) possono risvegliarsi nella nostramente se il nostro intento calmo e profondo come il respiro, fresco e prolungato come il vento, alto e forte come lo spirito.
Non a caso i greci avevano lo stesso vocabolo, pneuma, per indicare il respiro, il vento e lo spirito. Il soffio di Dio che dà vita alla sabbia dell’Adam Kadmon (che è l’Uomo Primigenio) dalla cui costola sinistra si genera Eva (la donna primigenia). Uniti per sempre dal Verbo, la Parola di Yahweh, e divisi temporaneamente dalla Bugia del Serpente, il demone Ahriman per Zarathustra, Ah-Satan per gli ebrei, o Mara per Buddha , colui che dice di non esistere per poter propagare la religione del dubbio ad oltranza, quello per cui non esiste più nemmeno l’Assoluto.

Adamo ed Eva tentati dal serpente

Per questo ci auguro (cioè "a tutti noi") di non cadere preda del sussurro malevolo, della calunnia (parlar male degli altri, senza magari aver conosciuto la persona in oggetto, senza che ci sia stato fatto un torto) che, come piume nel vento, sono impossibili da riportare nel cuscino, come nell’esempio delle maldicenze che provocano divisioni e moltiplicano i rancori.

Chissà se, una volta tanto, riuscirò ad incontrare una persona contemporaneamente educata, preparata e benevola nei miei confronti, in azienda. 
Io sposterei una montagna per soddisfare le esigenze lavorative di un soggetto del genere…


Post più popolari

Blog Archive

Lettori fissi

Powered by Blogger.