lunedì 2 settembre 2013


Napoli, 30/08/2013

Segnalo una serie di articoli che sono stati realizzate sulla base di interviste a mio padre, Ugo d’Esposito, effetuate dal direttore Luca Ribustini, della rivista on-line www.4arts.it, in merito ad un episodio delle forze clandestine contro il Nuovo Ordine Mondiale (o globalizzazione), durante il periodo della cosiddetta “Guerra Fredda”, per impedire che un’unità italiana (la Giulio Cesare, preda di guerra, ribattezzata Novorossiysk dai russi) servisse in una forza militare straniera.

Ugo D’Esposito: la Novorossiysk affondata nel ’55 da incursori della Xa MAS

Note di storia, l’affondamento della corazzata Novorossiysk e la Guerra Fredda

I veterani della corazzata Novorossiysk chiedono un’inchiesta internazionale

Come note personali dico, brevemente, che fino alle interviste del buon Ribustini non ero a conoscenza di questo episodio (papà non me ne aveva mai parlato, non è il tipo gradasso che si vanta delle sue “bravate”) e poi mi sono sentito molto orgoglioso di lui (anche se mi dispiace per le vittime che, però, nella stragrande maggioranza dei casi, furono dovute all’assurdo, inspiegabile, incompetente comportamento del viceammiraglio Parchomenko, il quale, invece di far evacuare immediatamente l’unità, diede all'equipaggio l'ordine di rimanere ai propri posti). 
Certo, è un episodio tragico, ma rappresenta un atto di ribellione al regime, qualunque esso sia...

0 commenti:

Post più popolari

Blog Archive

Lettori fissi

Powered by Blogger.