lunedì 27 luglio 2015


Per molto tempo ho lasciato perdere la mia predilezione per il mondo dei numeri, che sono, più che la rappresentazione di una quantità, una “porta” sulla qualità dell’Universo.
La mia visione era ottenebrata, in gioventù, dall’impostazione “giacobina”, illuminista, liberale del mondo che vuole cancellare completamente nell’umanità intera la Weltanschauung trascendente, per ridurre tutto all’immanente.
Lo scientismo (base del comunismo) e la tecnologia (base del capitalismo) sono ormai ideologie fallite e le nebbie che hanno portato nelle nostre menti si stanno diradando.
Per qualcuno questa evoluzione è già avvenuta, altri devono ancora camminare faticosamente per liberarsi: è per essi che io prego ed opero, che studio e combatto, che piango (quando rimangono cocciutamente ancorati alla vetero-immagine) e rido (quando, illuminati dalla Scienza Sacra, dispiegano le vele sul mondo oceano della conoscenza oggi ignota, mescolanza inscindibile di visibile di invisibile, una volta patrimonio dell’Uomo della Tradizione e che sarà lo scudo per l’Uomo Nuovo che sopravvivrà all’Apocalisse, quella che ci stanno accuratamente preparando i demoni anglo-assassini, e tutti i servitori dell’Anticristo).  
Auguro buone vacanze, a chi se lo può permettere, e buona estate cittadina a chi non può: magari le metropoli svuotate dai frenetici schiavi del Paraclito, dediti al servizio di Mammona (il dio danaro), saranno più vivibili e belle…  
AlexFocus

Proprie del numero 73



Simbolismo

·         E’ il numero di ciò che è completato, che forma un'unità completa perfetta, in cui ogni parte interagisce armoniosamente con le altre pur preservando la propria autonomia.

Bibbia

·         La Bibbia di Gerusalemme contiene in tutto 73 libri.

Generale

·         Le 73 sette risultanti dalla divisione della comunità del Profeta: settantadue sono perite, una si è salvata.
·         La medicina cinese divide l'anno in quattro stagioni di 73 giorni e quattro inter-stagioni di 18 giorni. Benché questa divisione non corrisponda ad alcuna realtà astronomica, la medicina cinese l'usa per trattare gli organi malati durante la stagione in cui ricevono un'eccedenza di energia per permettergli di esercitare più facilmente le sue funzioni. Per esempio il fegato sarà trattato specialmente durante i 73 giorni nella primavera, il cuore durante i 73 giorni dell'estate, così come il polmone nell'autunno ed il rene in inverno. La milza è trattata durante i 18 giorni di inter-stagione di separazione tra l'estate ed l'autunno.
·         Fra le abbreviazioni usate in telegrafia e telefonia, e che sono universalmente applicate, troviamo il numero 73 che ha per significato "con cordiali saluti". Per esempio i radioamatori, come utenti di banda radio cittadina (CB), spesso lo usano per finire una conversazione.

Gematria





·         Valore numerico della parola "Jesod" (Base) dell'Albero sefirotico della Cabala, secondo Abellio (in figura è rappresentata anche l’undicesima sephira, DAATH, quella “nascosta”). I ratti che uniscono le sephirot sono detti “meditazioni” e sono oggetto di studi specifici da rimandare in altra sede.
·         In Isaia 44,6 e 48,12, Yahweh dichiara:  "sono il primo e sono l’ultimo". In ebraico "primo" fornisce 73= 20+1+21+6+25 usando la gematria in "n".

Ricorrenze

·         Il numero 8 è usato 73 volte nella Bibbia.

domenica 12 luglio 2015


Napoli, 12/07/2015


200 anni fa, con la conclusione del Congresso di Vienna, terminava definitivamente la secolare storia della Serenissima Repubblica di Venezia.

Per un singolare paradosso, la vittoria dei nemici storici del giacobinismo e dell'imperialismo napoleonico portò a compimento una parte essenziale dei progetti di "rigenerazione" dell'Europa che le armate napoleoniche tentarono di imporre per vent'anni, dal 1796 al 1815, appunto. La Serenissima Repubblica di Venezia fu in quell'occasione la più grande ed illustre vittima di un più ampio processo di demolizione delle autonomie, dei piccoli stati e delle libertà concrete sul territorio della penisola italiana, che trasformò radicalmente la carta geografica dell'Europa ed inaugurò quella che Franco Cardini ha efficacemente definito in un recente articolo su Avvenire l'Europa moderna.

Poco meno di cento anni dopo, l'attentato di Sarajevo consegnava alla storia i risultati finali di questa "rigenerazione".
Nell’ambito delle celebrazioni internazionali dell’evento il Comune di Padova presenta una Mostra storica, curata dall’Associazione Identità Europea, di cui Vi alleghiamo alla presente la Locandina ed il Comunicato Stampa ufficiale, per ricordare gli eventi fondamentali che dal 1796, data dell’invasione napoleonica d’Italia, fino al 1815 distrussero la secolare esperienza di autonomia della Repubblica veneziana.
Siete tutti invitati all'Inaugurazione della Mostra, che si terrà Giovedì 16 luglio alle ore 18,oo. Parleranno l'Assessore alla Cultura del Comune di Padova, On. Flavio Rodeghiero, e il Presidente di identità Europea, Adolfo Morganti. Ci sarà una prima Visita guidata della Mostra ed un'esposizione di testi sull'argomento. Catalogo della Mostra, Il Cerchio.

L'ingresso è sempre libero e gratuito, ovviamente. Vi attendiamo numerosi!

Comunicato stampa


1815 – 2015


Il Congresso di Vienna e la fine della Repubblica di Venezia


Sarà inaugurata giovedì 16 luglio alle ore 18.00 presso il Centro culturale Altinate San Gaetano in Padova la mostra Napoleone e la fine della Repubblica di Venezia.

L'intento è di sottolineare, in occasione del bicentenario del Congresso di Vienna, un momento storico importante perché dopo vent’anni di guerre napoleoniche venne ridisegnata la carta d'Europa e terminò l’indipendenza della Serenissima Repubblica di Venezia.
Nell’ambito delle celebrazioni internazionali dell’evento il Comune di Padova presenta questa mostra storica, curata dall’Associazione Identità Europea, per ricordare gli eventi fondamentali che dal 1796, data dell’invasione napoleonica d’Italia, al 1815 distrussero la secolare esperienza di autonomia della Repubblica veneziana.

La mostra rimarrà aperta dal 16 luglio all'1 agosto, con orario d’apertura al pubblico dalle 10.00 alle 19.00. Chiuso lunedì, domenica 19 e 26 luglio, domenica 2 agosto. L’ingresso è libero.
Si svolgeranno su richiesta visite guidate.

Informazioni:
Servizio Mostre - tel. 049 8204553; ghiraldinir@comune.padova.it padovacultura.it



Napoli, 12/07/2015


Ancora una volta si svolte la tre giorni dedicata alla riscoperta di valori, sapori, storia, cultura, sepolti sotto 155 anni di disinformazione generale, di anti-meridionalismo becero, di menzogne savoiarde, di appropriazione indebita (persino dei prodotti della nostra terra) nella splendida, agreste cornice della

residenza privata sita in

via Barbuti, 16 (84084) nella

frazione Villa di Fisciano (SA-Principato Citra).





Si svolgeranno conferenze, spettacoli, passeggiate, a partire dalle 17: 00 del giorno venerdì 17 luglio 2015 fino circa alle 13:00 di domenica 19 .
È un percorso bucolico, immersi nell’atmosfera di una natura incontaminata, ma è anche quasi un viaggio mistico, patrocinato dal Parlamento Due Sicilie ® Parlamento del Sud del prof. Vincenzo GULI’ ed organizzato dall’infaticabile prof. Guglielmo BUONAGIUNTO del Circolo Culturale Card. Ruffo

Le indicazioni stradali sono facilmente reperibili in internet.

Per chi desidera pernottare e/o consumare pasti nella struttura si consiglia prenotare presso la posta:


ovvero telefonare ai numeri:

349.167.83.17  -  089.89.16.51

Per chi auspica una riscossa dei popoli dell’Italia del Sud, dopo decenni di sottosviluppo imposto è un’occasione imperdibile, Compra Sud … viva ‘o Rre!
sabato 4 luglio 2015


Napoli, 04/07/2015

È parecchio che non scrivo sul mio diario e voglio dedicare il primo articolo del secondo semestre 2015 al popolo greco, stretto tra disperazione e paura.
Sentimenti questi che sono stati sapientemente, quanto diabolicamente costruiti dalle oligarchie nascoste che si sono appropriate del danaro del popolo per trasformarlo nel danaro delle banche anzi dei banksters: dei delinquenti, dei falsari che ci hanno rubato la sovranità monetaria (e tutte le altre sovranità che la rima si porta appresso, da quella economica a quella programmatica, da quella territoriale a quella militare, da quella imprenditoriale a quella produttiva).
Io vorrei fare un lungo discorso sulla moneta ma non servirebbe adesso, sono un italiano del Sud, la cosiddetta "Magna Grecia", come si dice “una faccia, una razza” e spero solo che vinca il coraggio e la consapevolezza che col debito infinito, illegale, impagabile per quanto tempo possa passare non si può continuare a vivere, a trovare vita, salute, dignità, solidarietà, sussidiarietà, onore.


Spero che il popolo greco, da cui sento di discendere, se non geneticamente, almeno culturalmente, storicamente, affettivamente trovi la forza di ricominciare, mandando a casa questi criminali che, per salvare le banche, chiedono la morte del popolo: un popolo che ora si trova in condizioni critiche, che ha già pagato fin troppo per salvare banche private e non ha più abbastanza acqua, cibo, energia elettrica, gas, medicine salvavita, e che ora stenta anche a trovare alberi per cucinare e scaldarsi.
Giammai!
Che vinca il NO!
Viva la Grecia! Viva lo Stato del Sud Italia!

_____-----------------------____________________---------------------------------



Το δημοψήφισμα για το διεστραμμένο σύστημα ελληνικό χρέος ευρω-χρήματα

Είναι πολλά που δεν γράφω το ημερολόγιο μου και θέλω να αφιερώσω το πρώτο άρθρο του το δεύτερο εξάμηνο του 2015 το ελληνικό λαό, που αλιεύονται ανάμεσα στην απελπισία και το φόβο.Αυτά τα συναισθήματα που ήταν επιδέξια, ως δαιμονικά κατασκευάστηκε από κρυφές ολιγαρχίες που έχουν πιστωθεί τα χρήματα του λαού για να τα χρήματα των τραπεζών και όχι των banksters κάνουν: εγκληματίες, παραχαράκτες που έχουν κλαπεί τη νομισματική κυριαρχία (και όλα τα άλλα κυριαρχία ομοιοκαταληξία έφερε μαζί, από το οικονομικό στο προγραμματικό, από την εδαφική στον στρατιωτικό τομέα, από την επιχειρηματική με την παραγωγή).
Θα ήθελα να κάνω μια μακρά ομιλία πάνω στο νόμισμα, αλλά δεν θα βοηθήσει τώρα, είναι ένα ιταλικό Νότο, η λεγόμενη "Magna Grecia" [η Μεγάλη Ελλάδα], όπως λένε "ένα πρόσωπο, μία φυλή» και απλά ελπίζω να κερδίσει το θάρρος και συνειδητοποίηση ότι με την άπειρη, παράνομη, ανεκτίμητη καθώς ο χρόνος μπορεί να περάσει δεν μπορείτε να συνεχίσουν να ζουν, να βρει τη ζωή, την υγεία, την αξιοπρέπεια, την αλληλεγγύη, την επικουρικότητα, την τιμή.


Ελπίζω ότι οι άνθρωποι Έλληνες, από την οποία θα κατέβει, αν όχι γενετικά, τουλάχιστον πολιτιστικά, ιστορικά, συναισθηματικά μπορείτε να βρείτε τη δύναμη να ξεκινήσει και πάλι, στέλνοντας σπίτι τους εγκληματίες αυτούς οι οποίοι, για να σώσει τις τράπεζες, απαιτώντας το θάνατο των ανθρώπων, ένας λαός ο οποίος τώρα είναι σε κρίσιμη κατάσταση, η οποία έχει ήδη καταβληθεί πάρα πολύ για να σώσει τις ιδιωτικές τράπεζες και δεν έχει αρκετό νερό, τα τρόφιμα, ηλεκτρική ενέργεια, φυσικό αέριο, σωτήρια φάρμακα, και ότι ακόμη και τώρα αγωνίζεται να βρει τα δέντρα για το μαγείρεμα και τη θέρμανση.Ποτέ!Για να κερδίσετε το ΟΧΙ!Ζήτω η Ελλάδα! Ζήτω το κράτος της Νότιας Ιταλίας!

 

 

Post più popolari

Blog Archive

Lettori fissi

Powered by Blogger.