venerdì 9 agosto 2013


Napoli, 09/08/2013

Classico fungo atomico

 Il settimanale Panorama ha, meritoriamente, nei mesi passati, pubblicato una storia “alternativa” alla vulgata corrente, curata da Oliver Stone. Ovviamente ad ogni puntata il giornale ha accolto la replica di una serie di storici allineati rigidamente alla versione ufficiale, i quali si sono sperticati con giravolte funamboliche per smontare le “tesi” di Stone;  tra essi, che non hanno capito una beneamata, si trova anche un “venerato” maestro come Massimo Teodori, basta leggere l’articolo “Caro Oliver Stone, la storia non si fa con i 'se' ” su Panorama n. 20 del 08 maggio 2013.
Tra le “perle” di Teodori “un centinaio di migliaio di morti” (ovviamente furono molti di più immediatamente, circa 200'000, e molte centinaia di migliaia per gli effetti del fall-out radioattivo negli anni a seguire, senza contare le malformazioni genetiche, le mostruosità, la vergogna nascosta dei menomati dalle radiazioni, in una terra devastata dall’inquinamento nucleare).

persone colpite dal’atomica, che non si sono vaporizzate

Poi il Teodori, in qualità di storico “embedded” (cioè intruppato, approvato ed accettato dal potere del Nuovo Ordine Mondiale) “dimentica” primo che il Giappone aveva chiesto alla fine di Luglio 1945 una pace onorevole, respinta sdegnosamente da Truman e, secondo, che il reale motivo per “terminare” in quel modo una guerra (già finita in Europa tre mesi prima, il 5 maggio 1945) fu un’esibizione muscolare di Harry Truman (che aveva sostituito Franklin D. Roosevelt, morto il 12 aprile 1945) per intimorire l’Unione Sovietica di Stalin e prevenirla dall’estendere la sua area di influenza su Giappone e Corea come aveva fatto con l’Europa orientale fino a Berlino.

Poi il Teodori si esibisce con periodi  ad effetto come «La storia non può essere neppure affrontata con i "se" come sembra fare Oliver Stone: che sarebbe successo se le bombe non fossero state sganciate. Quel che si può affermare è che l’effetto degli inediti ordigni atomici fu non solo di fermare il Giappone, che non si sa fino a quando avrebbe combattuto, ma anche di produrre una specie di interdizione dei conflitti globali sulla base dell'"equilibrio del terrore", il timore cioè che un nuovo conflitto generale avrebbe potuto portare alla fine della stessa umanità

deformità per inquinamento atomico


Ci potrebbe, il “venerato maestro”, far capire come il Giappone avrebbe potuto continuare a combattere, ad esercitare qualunque azione militare, dopo aver perso tutti gli aerei e tutti i piloti, dopo che la sua flotta era stata sbaragliata ed affondata: forse i Jap abvrebbero attraversato il mare a nuoto? Ma non potevano essere colpite zone militarizzate, invece che le popolazioni civili? Oppure zone disabitate?

Un’altra perla di Teodori è «La controstoria di Oliver Stone è certamente utile per vedere da un diverso angolo visuale le vicende degli Stati Uniti che hanno avuto un impatto sulla nostra vita, a condizione però che non siano assunte come verità assolute

Infatti gli unici autorizati a tale assolutizzazione sono gli pseudo-intellettuali "allineati" ad UK-Usraele, come Teodori, appunto. L’ennesimo esponente culturale “embedded” cioè intruppato, come si diceva una volta. Alle faccia dell’onestà intellettuale, della deontologia professionale, dell’indipendenza, della libertà di espressione, della libertà, in assoluto.

E poi il “difensore dell’ortodossia” conclude “magnificamente” con «La contro-storia di Oliver Stone è certamente utile per vedere da un diverso angolo visuale le vicende degli Stati Uniti che hanno avuto un impatto sulla nostra vita, a condizione però che non siano assunte come verità assolute.»

Infatti gli unici autorizati a tale assolutizzazione sono gli aliineati ad UK-Usraele, come Teodori, appunto. L’ennesimo esponente diciamo “culturale”  senza coscienza e senza vergogna. Alle faccia dell’onestà intellettuale, della deontologia professionale, dell’indipendenza, della libertà di espressione, anzi della libertà, in assoluto.

USA, stato canaglia (per essere sicuri che capiscano anche gli anglofoni, "rogue state")

Fortunatamente ci sono anche le voci del dissenso, ad esempio ComeDonChisciotte che pubblica “Lo stato più canaglia di tutti” al link http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=12170 a cui si aggiungono i commenti dei lettori, abbastanza coerenti con la logica e la coscienza: leggi, Teodori, forse un giorno potresti diventare un intellettuale “per bene” e non “per male” come sei ora.

0 commenti:

Post più popolari

Lettori fissi

Powered by Blogger.