martedì 6 agosto 2013


Napoli, 06/08/2013

Oggi ho letto una missiva inviata al giornale on-line EffeDiEffe, eroicamente diretto da Maurizio Blondet: lo riproduco integralmente, è brevissimo ma dice tutto

___-------------------------__________----------------------------------

L’Italia è morta, andatevene finché siete in tempo



Caro Bsev, ho un problema. Lavoro per conto mio: ho la partita IVA. Nel 2012, è arrivato, finalmente, lavoro in abbondanza. Io lavoro esclusivamente per aziende: tutto viene fatturato. Alle correnti tariffe di mercato ho prodotto un reddito lordo di circa 50.000 euro. Per me, abituato come ero abituato, non è male. Il commercialista mi ha appena comunicato quanto dovrò versare da qui a novembre, tra saldo e anticipo: 22.900 euro tra imposte e contributi previdenziali. Questo dopo che, sul fatturato, è già stato versato il 20% di ritenuta d’acconto: che fanno altri 12.000: 34.900. In percentuale sul lordo, fa 69,8%

Per mettere insieme 50.000 euro ho lavorato sabati, domeniche, alcune notti, ho fatto trasferte paurose. Lo Stato, per mantenere vizi e stravizi dei vari Trota, Batman, Formigoni e Minetti, se ne porta via più di due terzi. Per inciso: non potrò pagare, ovviamente. Sto ancora arrancando dietro imposte e contributi dell’anno scorso, poi ho una rata da 250 euro mensili con Equitalia; ed ho una rata da oltre 300 euro con una finanziaria, per un finanziamento chiesto ed ottenuto per pagare le tasse di 5 o 6 anni fa, non ricordo. Sono professionista (faccio il programmatore di computer): non posso fallire, non posso delocalizzare.

L’unica cosa che potrei fare, e che probabilmente farò, sarà vendere l’appartamento di città dove vivono due figli venticinquenni e la ex moglie (io vivo in affitto), vendere la casetta di montagna ereditata da mio padre due anni fa, e sparire in uno di quei paesi dove si vive con pochissimo. Severgnini, lei dice, ai bravi ragazzi volenterosi che vogliono emigrare, di non farlo, e, se lo fanno, di tornare presto; io dico loro:

 Andate fino a che siete in tempo. Quando avrete 50 anni (io ne ho 55), vi morderete le mani per non averlo fatto. L’Italia è un paese perduto.
Lasciate i Trota, i Batman, i Formigoni e le Minetti al loro destino, e costruitevi una vita dignitosa altrove. L’Italia è morta”.

Cordiali saluti,

Aldo Marchioni


Fonte >  Italians.corriere

Home  >  Worldwide                                                         Back to top
 

Commenti  


# Nova 2013-08-05 23:21
Tutto ciò che avviene in Italia è la riproduzione di quel che avviene negli USA: disoccupazione alle stelle, delocalizzazione massiccia del manifatturiero, immigrazione incontrollata.
Presidente nero o mulatto (Obama) a Washington, ministra congolese (Kyenge) in Italia affiancata da un esercito della salvezza costituito da ministri votati alla causa delle ''minoranze perseguitate''.

Perchè l'Italia dovrebbe apparire come il melting pot yankee se qui non prosperò mai lo schiavismo ?

Obama andrà presto a firmare una legge che legalizza ben dieci (10) milioni di clandestini (aliens) o immigrati irregolari. Eppur c'è un muro lungo migliaia di km col Messico dove dicono che la polizia spari per uccidere.

Il fatto che i cittadini statunitensi siano armati fino ai denti non pregiudica l'agenda implementata dalla plutocrazia elitaria.

Anche la Russia è presa d'assalto da immigrati ma il governo ha contingentato a 300 mila il numero di immigrati ammessi in un anno (ciò che compensa effettivamente il calo demografico e sostiene lo sviluppo economico) e vengono privilegiati quelli che provengono dagli spazi ex sovietici di lingua possibilmente russa e soprattutto di etnìa russa.


# umberto64ok 2013-08-06 03:52
almeno un nome di quelli che hanno divorato questo paese da sinistra poteva farlo però! e poi se tutti i migliori se ne vanno chi resta per ricominciare quando sarà necessario farlo


___-------------------------__________----------------------------------

Non ci sono parole da aggiungere: quasi il 70% di tasse, ecco il risultato di governi succubi dello strapotere economico-finanziario, della dittature delle banche e delle multinazionali.
Ti posso dare del tu, ridicoLETTA, perché pago le tasse, quindi sei mio dipendente, ma il tuo lavoro lo fai male anzi lo fai bene a ma al servizio di qualcun altro, anche all’estero: TRADITORE! Tu e tutti i lacchè, i saltimbanchi e le ballerine di cui sei circondato, da NapoLETAME, alla SerVeni, dalla BAldrACCHIni, al GrassoNE.
No potrete ancora a lungo schiacciarci sotto un cumulo di menzogne: lo diceva anche Lincoln “Puoi mentire a qualcuno per sempre, a tutti per un pò ma non a tutti per sempre” .
Se non abbassi IMMEDIATAMENTE le tasse, è meglio che prepari le valigie…

0 commenti:

Post più popolari

Lettori fissi

Powered by Blogger.