domenica 21 giugno 2015


Napoli, 21/05/2015

Stimolato dall’ottimo, seppur breve, filmato di Giulietto Chiesa per PandoraTV che si può vedere al link:


ed intitolato “Impotenza, Ipocrisia, Ignoranza. Le tre ‘i’ dell’ecatombe nel Mediterraneo. Un’emergenza umanitaria immensa, creata da noi occidentali. L’ondata di ritorno delle guerre che noi abbiamo creato.”

Io sono abbastanza d’accordo, come capita quasi sempre con un intellettuale del calibro di Chiesa, con tutto il suo portato di esperienza “sul campo”, con il coraggio innumerevoli volte mostrato di opinioni contro la “vulgata corrente”, con una provata sensibilità ai temi della “devastazione del bene comune”.
Purtuttavia, io modificherei il trittico, indicando il problema nelle tre “i”: mantenendo IPOCRISIA ed IGNORANZA, sostituirei IMPOTENZA con INSENSIBILITÀ.
Mi spiego…
Personalmente non credo che siamo impotenti (almeno non completamente rassegnati ed impotenti), anche se un senso di impotenza viene indotto in noi, vedi l’ottimo articolo “Perchè la gente non reagisce davanti alle ingiustizie?  http://www.disinformazione.it/impotenza_appresa.htm.


A questo proposito vorrei far notare che siamo tutti sottoposti ad una “tempesta di sabbia” in cui di granelli sono scampoli di informazione che ci investono da TV, radio, giornali, persino dal cellulare, ormai diventato quasi un’appendice del nostro corpo.la cui dimenticanza (a casa od in altro luogo) può causare delle vere e proprie crisi di panico.
Non siamo più in grado di recepire messaggi che siano più lunghi di 140 caratteri, non riusciamo a conversare col nostro vicino di viaggio, se siamo in un mezzo pubblico. Non leggiamo un libro, una volta usciti dal ciclo di studi, qualunque sia il livello che abbiamo raggiunto. Non siamo nemmeno in grado di sopportare noi stessi, in silenzio per un quarto d’ora.     
i mezzi di disniformazione di massa non ci aiutano perché ci nondano, volutamente, di spazzatura mntre tacciono sulle cose fondamentali: il presidnte dlla Russia, Vladimir Putin, da innocente (in quanto difensore di paesi aggrditi dagli USA e da altri paesi occidentali) è diventato colpevole di “resistenza al mondo moderno”, il Papa Bergoglio invece di alzare gli scudi contro la filosofia giacobina del mercato avido, corrotto e corruttore, satanico, senguinario, guerrafondaio fa con l’enciclica “Laudato Sii-” il panegirico della globalizzaione, del nuovo ordine mondiale , delle politiche di depopolamento di origine Rothschild. Infatti questo dbosciato papa ha accolto Putini come se fosse uno scolaretto birichino, mentre ha dispensato grandi sorrisi a Barack Obama ed a quell’altro delinquente di George Soros.

Bergoglio fa il segno di satana

Ormai la chiesa cattolica non è più il Katechon (cioè “chi ferma il male”) ma, dal Concilio Vaticano II in poi ha completamente abdicato al suo ruolo di “mater et magistra” per adagiarsi supinamente, completamente, vergognosamente al diktat della globalizzazione: distruggere il vecchio mondo e tutte le nazioni che si oppongono ad esso, decimando la popolazione.  
Ebbene uno degli scopi della ripetizione ossessiva, continua, stordente è di renderci insensibili a ciò che accade intorno a noi , stimolando il retro-pensiero: “speriamo che oggi non colpiscano me” ed anche s egli schizzi di sangue dl vicino mi bagnano, i pezzi delle sue ossa colpiscono la mia pelle, le sue urla di dolore rimbombano nelle mie orecchie, io rimango inerte, passivo, e faccio pure finta di essere immerso nel sonno.
Infatti un proverbio russo dice: puoi svegliare uno che dorme, non no che fa finta di dormire.



0 commenti:

Post più popolari

Lettori fissi

Powered by Blogger.