venerdì 7 agosto 2015


Napoli, 08/08/2015

Quando ti conobbi, perbacco! Che emozione…
Pensai: che imponenza, che fine dizione!
Ero emozionato fin quasi all’erezione…
È opportuno che sia nella sua fazione.
Devo assolutamente far presentazione!
Poi, è giusto, ti prestai la dovuta attenzione.
E, con mia sorpresa e gran disperazione,
scoprii, dietro tutta la tal crepitazione,
sotto grandi parole ma nessunissima azione:
c'era solo un povero, mesto, piccolo coglione!


2 commenti:

Anonimo ha detto...

Tutte le persone afflitte dalle diarree deliranti che tal deficiente copiosamente spande per il Web, felici si riconosceranno in tal ritratto. Essere stimati da un imbecille convinto che gli “anglo-assassini” abbiano sganciato una bomba a neutroni nello Yemen, è una cosa di cui vergognarsi: meglio esser disistimato da un tal cretino, deriso da tutti e considerato da nessuno.

Giorgio Vitali ha detto...

UNA GRANDISSIMA POESIA. E, PER DI PIU', A...RIME BACIATE! GV

Post più popolari

Blog Archive

Lettori fissi

Powered by Blogger.