domenica 15 gennaio 2017


Napoli, 12/01/2017

Le recenti dichiarazioni del governo USA sulle “isole” costruite dalla Cina nelle acque prospicenti la propria costa (pressappoco “quel che sta facendo la Cina è paragonabile all’annessione della Crimea da parte delle Russia”) mi hanno scatenato la seguente riflessione.
Gli USA hanno fondamentalmente tre grossi difetti: presunzione, penosità e pericolosità.
Sono presuntuosi perché affermano con decisione il loro “eccezionalismo” senza che alcuno abbia mai saputo spiegare in base a quale criterio sono eccezionali.
Questa prima affermazione velleitaria porta, di conseguenza, a scontrarsi con una realtà molto più misera, che comporta penose figuracce internazionali.
Ovviamente la forza militare abnorme che hanno sviluppato agevola dei loro comportamenti, di fatto, devastanti, pericolosi per sé e per gli altri.

il drone USA catturato dalla Cina

Il fatto avvenuto a fine dicembre è che i militari anglo-assassini hanno mandato dei droni a spiare le isole cinesi ed uno di essi (sottomarino) è stato catturato. Apriti cielo! Come si permettono di sequestrare un apparecchio a scopo “scientifico” (sic!) dell’UPEMU (Unica Potenza Egemone del Mondo Universo)?!?
I cinesi se ne strafottono dell’indignazione statunitense e rispondono che glielo daranno con calma e sangue freddo.

Certo fa sorridere che Donald Trump avvia twittato in tutta fretta “atto senza precedenti” che in inglese farebbe “unprecedented act” ma che il correttore ortografico del social-media ha mutato in “unpresidented act” cioè circa “atto senza presidente” che sembra quasi uno sfottò sia per il guerrafondaio-terminale Baraq bin-Obama sia per lo stesso Trump, dato che si trovavano proprio nella situazione in cui il precedente presidente, di fatto non c’è più e quello nuovo non è ancora insediato, con tutte le sue prerogative… tre “P”. 

E poi ricordiamo che l’UPEMU ha lanciato du ordigni nucleari sul Giappone (anche se il suo imperatore avevam, ben una settimana prima, chiesto la resa con onore) ed uno sull’Iraq (per punire quei “fastidiosi ribelli” di Moqtada-al-Sadr che non volevano cedere la loro sovranità all’UPEMU)!

Mi sa che bisognerà far capire ai paesi carogna (cioè i “rogue states” USA, UK, Canada, Israele, Australia, Nuova Zelanda) che, ora, il mondo NON è più UNIPOLARE, ci sono altri attori che NON possono essere trattati come gli anglo-assassini hanno fatto con i nativi americani e come i nazi-sionisti stanno ancora facendo coi palestinesi.

palazzo ONU

Altro che “mai più!” strillato dai radical-chic mentre sotto i nostri “distratti” occhi avviene ancora, oggi, sempre, in tutta quella partre del mondo NON allineata. E che non può scatenare una bagarre a quell’inutile palazzo di cristallo dell’ONU, fantoccio dei paesi carogna.




0 commenti:

Post più popolari

Blog Archive

Lettori fissi

Powered by Blogger.