giovedì 22 dicembre 2011

Napoli, 22/12/2011

Non riesco ad aggiornare il diario con la frequenza che vorrei ma, spero, la quantità di informazioni in ogni post magari compensa la rarità.
Ecco analizzato un altro numero. Anche per esso vi sono riferimenti alla “cabala”, quelli religiosi (molti) e quelli generali.
L’ispirazione di creare la serie in italiano mi venne trovando le pagine (inglesi e francesi) del sito http://pages.globetrotter.net/sdesr/nu1.htm (ora non più attivo) ma non sono in grado di fornire divinazione…). Per ora wikipedia non tratta diffusamente i numeri, poi chissà …

Colgo l’occasione per augurare buon Natale (oppure Sol Invictus) e buon anno nuovo (cioè Idi di Marzo oppure Cernunnos a maggio per i pagani) a quei 7-8 web surfer che ogni tanto finiscono per sbaglio su queste paginette (qualche pazzo commenta pure! E dice cose sensate… ma dove andremmo a finire?).

Alex Focus

Simbolismo


·      Numero della perfezione, l'infinità. Per i matematici il simbolo dell'infinità è rappresentato da un 8 poggiato sul fianco (∞). Piccola nota: vi sono delle auto della casa francese Peugeot (modello 1007, 3008, etc.) che hanno i due ‘0’ centrali fusi insieme a formare il simbolo "infinito".
·      Simbolo del Cristo cosmico.
·      Numero che raffigura l’immutabile eternità o l’auto-distruzione. Rappresenta anche il punto finale della manifestazione.
·      In Cina l’8 esprime la totalità dell'universo.
·      Numero dell'equilibrio e dell'ordine cosmico, secondo gli egiziani.
·      Numero che esprime la materia, è anche il simbolo dell'incarnazione nella materia che diviene essa stessa creativa ed autonoma, governando le proprie leggi.
·      Il numero otto corrisponde al Nuovo Testamento, secondo s. Ambrogio
·      E’ il simbolo della nuova Vita, la Risurrezione finale e la Risurrezione anticipata che è il battesimo.


Secondo Clemente di Alessandria, il Cristo mette sotto il segno di 8 colui che Egli ha fatto rivivere.
           
·      Rappresenta la totalità e la coesione della creazione in evoluzione. In Cina esprime la totalità dell'universo.
·      Rappresenta la terra, non nella sua superficie ma nel suo volume, poichè 8 è il primo numero cubico.
·      Il Pitagorici hanno reso 8 il numero simbolo dell'amore e dell'amicizia, della prudenza e del pensante e l'hanno chiamato il Grande "Tetrachtys."
·      In Babilonia, in Egitto ed in Arabia, era il numero della duplicazione dedicato al sole, per cui il disco solare è decorato di una croce con otto bracci.
·      Il numero 8 intende la molteplicità, per i Giapponesi.
·      Un numero favorevole, associato alla prosperità.
·      E’ il numero del giorno del riposo, dopo il 7° giorno della creazione.

Bibbia

·      Le otto beatitudini del sermone sulla montagna. (Mt 5,3-11)
·      Le otto frasi del Magnificat od Inno di Maria. (Lk 1,46-56)
·      Gesù fu circonciso otto giorni dopo la sua nascita, secondo la legge stabilita. (Lv 12,3; Gn 17,12 e 21,4; Lk 2,21)
·      Gli otto passi della scala aggiuntiva alla piazza esterna del tempio di Ezechiele. (Ezk 40,26)
·      Le otto parole creative di Dio in sei giorni, nel capitolo 1 della Genesi, versi 3, 6, 9, 11, 14, 20, 24, 26.

Le otto persone che sono state salvate dall'Inondazione nell’Arca di Noé. (Gn 7,13)

A lato, “Sacrificio offerto da Noè e dai suoi famigli”, Michelangelo


Generale

·      S. Giuseppe ha sopportato durante otto anni varie grandi sofferenze, prima di morire, secondo le visioni di Maria Agreda [nome secolare: María de Jesús de Agreda].
·      I Cabalisti affermano che c'erano, nel Tempio di Gerusalemme, otto cancelli dei quali l'ottavo si aprirebbe solo per il Messia.

Otto è il numero totale di Chakra dell'uomo, contando i sette in correlazione col corpo fisico, più un chakra aggiuntivo che agisce nel corpo eterico. Questo ottavo Chakra è noto come "il Chakra dell'Anima" o "la Stella Chakra." Sarebbe localizzato circa da 7 a 10 centimetri sopra la Corona Chakra.

Considerazione personale: l’aureola che siamo abituati a vedere come un cerchio di colore bianco nella rappresentazioni pittoriche di santi ed angeli, potrebbe essere nient’altro che l’ottavo chakra.



·      Le otto grandi divinità del Veda:
o       Surya,
o       Candra,
o       Agni,
o       Yama,
o       Varuna,
o       Indra,
o       Vâyu e
o       Kubera.



Rappresentazione arcaica di Fou-Hi, filosofo cinese.
Gli otto trigrammi di Fou-hi




Platone rimase col suo maestro, il filosofo greco Socrate, per otto anni.

·      Le otto parti della via che conduce al nirvana, secondo le dottrine buddiste:
o       la fede,
o       il giusto giudizio,
o       la giusta lingua,
o       un’azione giusta e pura,
o       una professione di giustizia,
o       l’applicazione dello spirito a tutti i precetti della legge,
o       la memoria del diritto e
o       la meditazione sulla giustizia.
·      I buddisti contano otto simboli di lunga vita uno dei quali è il nodo infinito che si arrotola su se stesso e si intreccia.
·      Ci sono otto gradi di monaci buddisti o "Arya" ed il più alto è chiamato "Arhat."
·      Secondo una legenda buddista, le ceneri di Buddha sono state separate in otto parti.


Il loto è rappresentato simbolicamente con 8 petali e, secondo gli yogi, è su di un loto con 8 petali che si erge il monte "Mêru" che, simbolicamente, rappresenta il centro ed l'asse del mondo.
Esso si trova dipinto sulle porte di molte case indiane, così come lo swastika (che rappresenta il moto dei rami della galassia con i suo otto segmenti).
Anche uno di giochi più semplici e diffusi, la girandola tibetana, ha lo stesso significato.




·      Lo Yoga conta otto corsi di addestramento:
o       Yama, la restrizione;
o       Niyama, osservanze religiose;
o       Asana, la postura;
o       Pranayama, il controllo della respirazione;
o       Praty-ahara, la restrizione di sensi;
o       Dharana, la concentrazione;
o       Dhyana, la contemplazione e
o       Samadhi, l'estasi.
·      L'Avesta menziona otto categorie di preti:
o       un superiore, il Zaotar, che recita a memoria i testi, e sette subalterni:
o       il Havanan quale schiaccia l’Homa nel mortaio,
o       l'Atarevakhsha a cui tocca la conservazione del fuoco,
o       il Fraberetar ha in carico gli strumenti per il Sacrificio,
o       l'Aberet porta l'acqua santa,
o       l'Acnatar che lava i vasi sacri,
o       il Raethwiskar che purifica gli uomini ed oggetti sporchi, ed
o       il Craoshavereza o confessore.


Nella religione di Zarathustra (o Zoroastro), c'erano otto strumenti usati per il culto:
o     l'Atashdan, serbatoio per fuoco;
o     il Havana o mortaio;
o     il Barecma, o raggio di palme sacre;
o     il Tali, carrello delle offerte;
o     il Tasta o tazza d’oro;
o     il filtro con nove buchi per il Homa;
o     l'Avand, vaso per purificazioni;
o     il Musrhabe, bacinella lava-mani per il prete.

I sacerdoti zoroastriani portavano, insieme a pantaloni e mantello, il berretto frigio abito, distintivo tradizionale (nel mosaico sottostante si vedono i “Re Mag[h]i” Gaspare, Melchiorre e Baldassarre che rendono omaggio al re “bambino” Gesù, guidati dalla cometa)

Sopra: in quest’antica rappresentazione si noti il copricapo, tipico berretto frigio, che fu utilizzato come segno di liberazione dai sanculotti (lavoratori “sans culottes” cioè senza le calze tipiche dei nobili) nel periodo rivoluzionario francese.


·      Le otto categorie di preti di Zarathustra.


Per gl'indiani ci sono le otto modalità di matrimonio menzionate da Manou:
o        maniera di Brahma,
o        Devas,
o        Rishis,
o        Pradjapatis,
o        Asouras,
o        Ghandarvas,
o        Rakchasas e
o        Pisatchas.



Gli otto discepoli di Thot, in Egitto.



Secondo Erodoto di Alicarnasso, il regno degli dei in Egitto sarebbe cominciato con un primo gruppo di otto dei a capo dei quali era Pan
Affresco allegorico con la figura di Pan (sotto forma di fauno) che suona il flauto per allietare le ninfe, alla Reggia di Caserta,



Per i greci il numero 8 è stato dedicato a Dioniso, nato l'ottavo mese dell'anno.

Per i romani il dio corrispondente era Bacco, qui a lato nella nota tela di Caravaggio

·      Le otto divisioni del cielo della tradizione greca.
·      Le otto Regole di comando del "Chou-King."
·      Gli otto ministri dell'Impero cinese.
·      Gli otto pilastri del "Ming-Tang."




Le otto forme di Shiva, a volte illustrate da 8 "lingam" (pietre ovoidali colorate) posti in circolo attorno ad un "lingam" centrale.
La simbologia di Shiva è molto complessa e varia. Si noti l’analogia col s. Michele arcangelo che trafigge il demone schiacciato sotto il piede

·      Le otto braccia di Vishnu.
·      Gli otto numi tutelari del Tibet.
·      Gli otto dei "Selecti" dei Romani.



Gli otto dei di Senocrate.


Le otto gambe del cavallo Sheipner, il cavallo grigio di Odino.

·      Gli otto animali che accompagnano i credenti Maomettani nel paradiso.
·      Il Grande Anno di 25'920 anni è diviso in otto grandi cicli terrestri chiamati Età, ciascuna ripetuta due volte:
o       Età d'oro,
o       Età del denaro,
o       Età del bronzo ed
o       Età del ferro.


Creusot [probabilmente il soprannome di Christian Bobin] indica che la preghiera di san Francesco d’Assisi sulla pace contiene otto richieste a Dio:
o     Dio, rendimi uno strumento di pace. Dove è l'odio, fa che io ponga amore.
o     Dove è l’offesa, fa che io ponga perdono.
o     Dove è la discordia, fa che io ponga unione.
o     Dove è l'errore, fa che io ponga verità.
o     Dove è il dubbio, fa che io ponga fede.
o     Dove è la disperazione, fa che io ponga speranza.
o     Dove è oscurità, fa che io ponga luce.
o     Dove è la tristezza, fa che io ponga la gioia.


·                    La Torre di Belo a Babilonia è fatta di otto torri quadrate.
·                    Un edificio ottagonale ad Hiroshima contiene le statue di otto grande uomini saggi del mondo:
o       il Buddha,
o       Confucio,
o       Socrate,
o       Gesù,
o       il principe Shotoku,
o       Kobo Daishi e
o       due preti giapponesi.
·                    Il numero otto governa la vita dell'uomo: a 8 mesi appaiono i denti del bambino; a 8 anni li perde; a 2 x 8 anni, è la pubertà; e diviene impotente a 8 x 8 anni.
·                    In matematica un numero è divisibile per 8 quando anche le sue ultime tre cifre lo sono oppure se le ultime tre cifre sono zero.
·                    Anniversario di matrimonio: nozze di bronzo, di elettricità o di gomma.

Ricorrenze

·                    Il numero 8 è usato 73 volte nella Bibbia.
·                    I numeri 29, 42, 4'500, 22'000 e 40'000 sono usati 8 volte nella Bibbia.
·                    Il numero 8 è usato quattro volte nel Corano. (Corano VI, 144; XXVIII, 27; XXXIX, 8 e LXIX, 7)
·                    Ci sono otto numeri, 1, 2, 3, 5, 6, 7, 10 e 12, comuni ai quattro Vangeli ed alla Rivelazione, e ciò significa che ciascuno uno di loro è usato al meno una volta nella Rivelazione ed nel Vangelo di Matteo, Marco, Luca e Giovanni.





0 commenti:

Post più popolari

Lettori fissi

Powered by Blogger.