venerdì 5 ottobre 2012
-->
Napoli, 05/10/2012

Chi sono i tre corni (metaforici) di cui sto parlando? I sicofanti para-economisti, i plaudenti a Monti (sobriamente) pseudo-politici in ginocchio ed i giullari dell’informazione inchinata.

I conduttori di CaterpillarAM
Cominciamo da questi ultimi: ieri mattina circa alle 06:45 stavo togliendo il caffè dal fuoco quando, sintonizzato su RaiNews24, ho visto i volti leggermente ora stolidamente sorridenti ora con lo sguardo vuoto e beota ora seriosamente compresi in chissà quale ragionamento vaniloquiante, col mento in su e la bocca semiaperta di quei “bravi” conduttori di CaterpillarAM che irrompevano in video con le loro apparentemente dissacranti domandine-inchieste telefoniche. 

L’argomento era: Berlusconi si deve o no candidare alle primarie del PdL? Domanda retorica in quanto le primarie se fossero vere (cioè DI BASE) dovrebbero essere fatte in modo da consentire a chiunque di candidarsi, ma tali consultazioni NON sono mai state realizzate (almeno non mi risulta) perché comunque si poteva scegliere solo in una rosa di nomi GIÀ determinata dalle segreterie dei partiti.
Come dire al pesce “Puoi scegliere di abboccare ad una delle esche che ti ho calato davanti alla faccia”…
Gli ho brevemente urlato che Silviuccio si dovrebbe andare a nascondere perché non ha mai parlato del signoraggio, del finto debito “costruito” dalle banche con la complicità di politici e giornalisti, e che forse solo Grillo, in passato, ha fatto una denuncia del malcostume della politica, del furto del nostro patrimonio da parte dei finanzieri d’assalto, del criminale comportamento delle agenzie di rating, della svendita del Demanio pubblico e dei territori. Erano costernati poveretti, nessuno gli aveva mai detto delle cose del genere e non erano preparati.

Dei politici non mi va di parlare, sono tutti una manica di complici, troppo pagati per il nulla che fanno, il cui malaffare trasversale sinistra-centro-destra sta venedo vergognosamente a galla su tutti i mezzi di informazione.

Ma passiamo a sicofanti più “grossi”, i cosidddetti economisti: ricordo che il termine greco sicofante nell'antica Grecia, era colui che, prezzolato, sosteneva le denunce anche false (ora mentitore, Spia, imbroglione).
Su panorama n. 35 del 22 agosto scorso a pag. 30 viene squadernata una passerella di sicofanti di stato, pseudoeconomisti, gente che invece di dire la cosa come stanno, avallano la versione di regime, per continuare a ricevere laute prebende (pagate da tutti noi, ovviamente). Questi demagoghi bugiardi, vigliacchi e traditori agitano lo spauracchio del finto, mostruoso debito per impaurireil popolo sovrano ed impedirgli di ribellarsi; essi, in ossequio ai loro padroni (i grassi banchieri) ci agganciano le catene che dovremo portare per sempre. 

Paolo SAVONA: uno che ha le “mani in pasta” di Impregilo, BNL, Aspen Institute. Dice che dovremmo “conferire” (nella “lingua di legno o LDL” del bis-pensiero significa “regalare” o “svendere”) 300 miliardi di euro di patrimonio pubblico ad una nuova società (di cui poi lui sarebbe, ovviamente, il principale beneficiario) in cambio di obbligazioni quinquennali (sempre in “LDL” altri debiti da pagare in 5 anni, come se non en avessimo abbastanza)

Giuliano AMATO: uno che prende due pensioni per più di 32'000 € NETTI al MESE dice che ci vuole una PATRIMONIALE (cioè se non hai una lira in banca ma possiedi una PRIMA casa da 300'000 € dovrai comunque pagare quello che servirebbe per affittarla!!)










Franco BASSANINI: il presidente delle Cassa Depositi e Presititi (insomma il prossimo Lusi…) vuole oltre la tassa sui capitali, d’accordo col il governo svizzero, anche la dismissione di immobili e partecipazioni statali.

Andrea MONORCHIO, il ragioniere dello stato, cioè quello che applica tutta la “cosmesi” economica che conosce per “truccare” l’indice di inflazione (TUS, Tasso Ufficiale di Sconto) che è il parametro con cui si valutano gli aumenti di stipendio nei rinnovi dei contratti di lavoro. Il TUS ovviamente (grazie all’assenza di un vero paniere, del pensionamento della scala mobile, e dei famigerati accordi del ’93 che congelarono gli stipendi per 16 anni) risulta sempre un decimo dell’inflazione REALE quindi gli stipendi si allontanano sempre più da quelli di una Germania o Francia (quelli italiani sono quasi la metà di quelli dei due paesi nominati). Ebbene questo bel tomo che dice? Il patrimonio di immobili pubblici trasformato in bond ventennali (titoli di debito) da vendere ai dittadini con un prestito “forzoso” del 10% del loro (cioè nostro) patrimonio. Tutto questo regalato alle banche che pagherebbero solo l’1% di tasso all’anno (mentre noi dobbiamo pagare per un mutuo anche il 7,5%): grazie Andrea, rompiti una gamba e pure la testaccia che ha partorito una simile fregatura!!

Guido SALERNO ALETTA: consigliere di amministrazione di Key4Biz, si accoda a monorchio. Stessa maledizione…

Pellegrino CAPALDO: uno infognato con lo IOR, vuole imporre una patrimoniale tra il 5 ed il 20% sugli immobili da pagare subito con lo “sconto” o entro 3-4 anni con gli interessi. Non basta che la cas l’ho comprata con soldi avanzati dal pagamento di altre tasse, ora che il mio potere di acquisto sta scendendo vertiginosamente ed ingloriosamente, devo pure pagare una tassona sul suo valore (poi quale quelo catastale o quello di mercato? Il “furbone delle tassine” non lo dice…). Scomunicato!!

Giuseppe VEGAS: presidente Consob quello che dovrebbe vigilare sugli sconquassi e le speculazioni finanziarie ma finora non ha “visto niente”. Non solo vuole vendere gli immobili ma vuiole pure metter le mani sulle riserve d’oro della Banca d’Italia, così veramente dopo non possiamo rialzarci in piedi… delinquente!!



Vittorio GRILLI: ministro dell’economia, oltre a mettere in vendita beni pubblici per 15-20 miliardi all’anno, vuole rivalutare le conessioni, obbligare gli enti previdenziali dei professionisti a comprare più BTP, incentivi fiscali per chi compra titoli a scadenza lunga.. e bravo il professorino, con la sua arietta mortifera, ci frega meglio di un mandrillo in calore!!!


Angelino ALFANO: ecco uno che di economia veramente non dovrebbe parlare (non gli farei amministrare nemmeno un condominio, figurasi la cosa pubblica…), un utile idiota che propone di cedere il patrimonio pubblico italiano ad un fondo privato per vendere obbligazioni ad investitori italiani e STRANIERI?!? Ce lo vuole fare grosso così.. grazie che Berlusconi esce dal PdL, con un segretario del genere…

Ed infine ma non ultimo quel bel mobile di Alberto QUADRIO CURZIO: professore “emerito” di questo e quello, con quel brutto ceffo da delinquente che si ritrova, ci ripete le minacce delle agenzie di rating come se fossero la parola divina, invece di dire che si dovrebbe fare un’agenzia di rating europea, sulla falsariga di quel che hanno fatto in Cina. I musi gialli non sono mica fessi come noi che permettiano di farci giudicare da chi ha il conflitto di interessi con i fondi speculativi che, poi, in base alla cattiva valutazioni, ci attaccano per sbranarci. Grazie Alberto, preghiamo perché Dio ci voglia tanto bene da richiamarti al più presto a Lui…

Non uno che abbia detto la verità sul debito falso e rifiutabile perché ha tutte le condizioni di detestabilità di Alexander Sach: questi sono i grand commis, gli esperti, i tecnici a cui affidiamo la nostra vita ed il fuuro dei nostri figli. Ah! Poveri noi…
Preghiamo per il ritorno di Cristo che spazzi via tutti questi servi di Satana…

-->
O, almeno che ci sia una Cristina Kirchner de noantri che riavvii le produzioni nazionali, che riequilibri la bilancia dei pagamenti, che incentivi l’export e, magari, che mandi a fan..lo BM e FMI.
 


0 commenti:

Post più popolari

Blog Archive

Lettori fissi

Powered by Blogger.