lunedì 16 luglio 2012

Napoli, 16/07/2012

Negli ultimi giorni ho preparato un video con mezzi artigianali, si trova su YouTube, insieme ad altre interessantissime segnalazioni della rete delle reti “Accademia della Libertà” agli indirizzi seguenti.

 

Sono tutti, ovviamente, argomenti che la stampa servile di regime non si sognerebbe mai di toccare, se non in senso spregiativo.
Ho riportato di seguito la trascrizione del mio piccolo video, nel caso non risulti perfettamente visibile-udibile.
Buone cose a tutti
AlexFocus

Trascrizione del video “Denuncio La Grande Truffa del Signoraggio” – Parte I (12 min 30 sec)

Introduzione:

“Salute a tutti noi, popolo del web, e morte ai criminali parassiti, sfruttatori e distruttori della società. Sono Alessandro D’Esposito, ingegnere di Napoli (qualcuno mi conosce con il nickname di AlexFocus) ma non vi parlerò di scienza né di folclore (anche se tali argomenti meriterebbero considerazione).
No, visti i tempi che corrono in questo fatidico 2012, cercherò di descrivere il problema al tempo stesso più grave e misconosciuto dell’era moderna, il Signoraggio.”


1 - “La macchina infernale del signoraggio” dal blog di AlexFocus 


(link http://alexfocus.blogspot.it/2012/02/la-macchina-infernale-del-signoraggio.html )

Premessa:
“Non sono un professore di economia (anche se ho fatto il mio bravo esame di «Economia generale, microeconomia decentramento produttivo» con quei professori che ringrazio per ciò che mi hanno insegnato, anche ad apprezzare il dissenso, con la loro mentalità aperta ed innovativa) poi mi son messo a studiare storia ed economia per conto mio, su testi «eretici».
State pur certi che le cose che stiamo dicendo non si sognerebbero nemmeno di trattarle i giornalucoli, piegati ai loro padroni capitalisti, come Il corriere della Serva, Il Fessaggero, La Repubblichetta delle Banane ed economisti complici del potere dittatoriale delle banche come Mario Deaglio, Pietro Ichino ed il cattivanima Tommaso Padoa Schioppa. Lo stesso Paolo Savona che si vanta di essere un pensatore “alternativo” non è altro che un debunker che non affronta i veri nodi della crisi economica, appositamente costruita dai sanguinari banksters e speculatori (squali della finanza senza volto) insieme ai loro criminali complici politici, sindacali, accademici e dell’informazione.”

2 - link di signoraggio al blog di AlexFocus
 


Cinese Semplificato (简体中文版)


Greco  (ΕΛΛΗΝΙΚΗ Έκδοση) http://alexfocus.blogspot.it/2012/05/blog-post.html



Russo  (РОССИЯ версияhttp://alexfocus.blogspot.it/2012/05/blog-post_25.html



“Ho fatto vari tentativi , on-line (ad esempio con la pubblicazione sul mio blog della traduzione in varie lingue di un piccolo pamphlet), in piazza, a conferenze per spiegare il signoraggio. Ovviamente ci son persone più qualificate di me, professori di economia eretici come Savino FRIGIOLA (da un cui libro è tratto il fumetto in 20 tavole che trovate sul blog), Francesco CIANCIARELLI, Antonio PANTANO, provenienti dalla scuola di Teramo di Giacinto AURITI il quale, a sua volta, prendeva lo spunto da Ezra POUND (sì, il grande poeta americano, imprigionato dal satanico governo USA in un manicomio criminale per aver criticato le politiche antipopolari della cricca libero-mercatista e la truffa del signoraggio) e persino da Henry FORD (sì, l’industriale americano che aveva realizzato il suo modello T nel 1908, tranne che nelle parti in vetro e metallo, TUTTO con derivati della canapa, dalla plastica alle fodere, dalle imbottiture ai pneumatici, dai solventi alle vernici e persino il carburante).


3 -  “Ford T 1908, costruita con sotto-prodotti della canapa

Ma c’è una bibliografia sterminata, a partire dal ‘700, a riguardo del potere di emettere moneta: questo è il signoraggio, il privilegio del signore, il suo aggio (guadagno) cioè il signore batteva moneta ad esempio d’oro, a 18 carati ma un 1/18 (circa il 5%) del metallo non era oro bensì un metallo non prezioso e la differenza costituiva il guadagno di circolazione della moneta, con cui il signore costruiva il palazzo, manteneva l’esercito, etc (ciò significa che le tasse erano il 5%, che differenza con le “grandi democrazie” di oggi, eh?)”

“Perché parliamo del ‘700? Perché proprio in quel periodo si sviluppò il mercantilismo, cioè la supremazia del mercato sulla politica, il mercato libero che controlla se stesso, cioè libero di fare del popolo quel che vuole (anche carne da macello), infatti il fondatore dei Rothschild, Mayer Amshell
 

4 - “Mayer Amshell Rothschild

enunciò il suo pensiero pieno di disprezzo per la volontà popolare: “Consentitemi di controllare le emissioni ed il denaro della nazione e non mi importa di chi fa le sue leggi!” (Nota: la sua discendenza controlla la FED, banca privata americana che stampa il dollaro USA). Poiché, se ad un gruppo senza scrupoli viene consentito di stampare il denaro di una nazione – esso può alla fine usare il denaro per assicurarsi il controllo della stampa e dei politici – e così assicurarsi il controllo di fare le leggi di una nazione – ed infine – controllare la nazione stessa.”

“Il presidente USA Thomas Jefferson affermò: «se il popolo americano permetterà alle banche private di controllare l’emissione del denaro, prima con l’inflazione, poi con la deflazione, le banche e le corporazioni che nasceranno intorno a loro priveranno il popolo di tutte le proprietà finche i loro figli si sveglieranno senza casa sul continente che avevano  conquistato i loro padri.»”

“Ben quattro presidenti USA sono stati uccisi per aver tentato di levare alla FED il potere di stampare denaro (o essendoci riusciti):

Abraham Lincoln fu ucciso il 14 aprile 1865 mentre si trovava al Ford’s Theatre di Washington per assistere allo spettacolo Our American Cousin. Gli sparò l’attore e simpatizzante dei Confederati John Wilkes Booth, morì il 15 aprile, alle 7.22 del mattino. Aveva riportato in attivo il bilancio degli USA facendo stampare danaro alla Zecca, non alla FED

James Garfield fu ucciso il 2 luglio 1881 a Washington, la capitale degli Stati Uniti. Era in carica da 4 mesi. Gli sparò Charles Guiteau e il presidente morì undici settimane più tardi, il 19 settembre. La sua «colpa» fu aver proseguito la politica di Lincoln di «difesa delle imprese americane dalla speculazione degli affaristi esteri».”

William McKinley fu ucciso il 6 settembre 1901 al Temple of Music di Buffalo, nello stato di New York. Gli sparò due volte l’anarchico Leon Czolgosz mentre il presidente visitava l’Esposizione Panamericana. Morì otto giorni più tardi, il 14 settembre. McKinley si opponeva all’ultraliberista Theodor Roosevelt ma dovette accettarlo come vicepresidente: è inutile dire che, non appena fu morto McKinley, Roosevelt si diede a disfare tutto quel che aveva fatto il suo predecessore, con grande gioia degli speculatori internazionali senza volto. 



5 -  John Fitzgerald Kennedy

John F. Kennedy fu ucciso a Dallas, in Texas, il 22 novembre 1963 mentre sfilava in auto a bordo della quale si trovava anche la first lady Jacqueline. Sebbene il decesso non sia stato confermato fino al giorno successivo, morì immediatamente, colpito da tre colpi di fucile (sparati da varie direzioni, cioè da snipers dei servizi segreti, armati con fucili potenti e precisi, debitamente munizionati, e non quella scartina di Lee Oswald, che aveva accanto a se un chiodo di fucile commerciale). Poco prima JFK aveva fatto approvare al Congresso (equivale al nostro Parlamento) la direttiva n°11110 con cui si stabiliva che la Zecca degli USA (e NON più la FED) avrebbe stampato quanti dollari sarebbero stati necessari per il funzionamento della nazione, senza indebitamento con la FED (peccato grave!!).



6 - Lyndon B. Johnson

Il suo successore, il vice-presidente Lyndon B. Johnson guardate che ceffo, prima fece «congelare» la direttiva 11110 poi fece sparire i 3,5 MLD $ , recanti la scritta «United State Note» che Kennedy aveva già fatto stampare (al posto di quelli con su scritto «Federal Reserve Note»).” 



7 - Banconota USA marcata "United State Note" da 5 $ del 1963

“Anche il fratello di John, Robert Kennedy, fu assassinato (non da Shiran Shiran, distante 10 mt di fronte, ma da qualcuno che era alle vicinissimo, alle sue spalle) perché aveva dichiarato di non poter dimenticare il fratello ucciso (cioè i veri mandanti del suo omicidio), che con ogni probabilità avrebbe cercato di mettere fine alla guerra in Vietnam e, soprattutto, ai soprusi degli israeliani nella terra natale del suo presunto assassino di origine palestinese, quasi certamente un «Manchurian candidate» (cioè un inconsapevole capro espiatorio, drogato e mentalmente condizionato con metodi come MK-Ultra o Monarch), ed avrebbe imposto ad Israele di rispettare la risoluzione dell’ONU che gli imponeva la restituzione dei territori conquistati l’anno prima - fra cui c’era anche la Cisgiordania.”

“Anche John John Kennedy (il figlio di John F.) è stato «incidentato» con la moglie incinta e la cognata perché dalle colonne del suo giornale «George» aveva dichiarato che non avrebbe mai smesso i tentativi di individuare e far condannare i mandanti degli omicidi di padre e zio.”

 
UTILI delle BANCHE ITALIANE negli ANNI 2001-2012:

15'200 MILIARDI DI EURO

TASSE PAGATE = 0 (ZERO, NEMMENO ICI-IMU)

Se tassati solo al 14% (META’ di quanto estorto a imprese e lavoratori) avrebbero fruttato allo Stato (di minori tasse per noi "popolo")

190 MILIARDI di EURO all’ANNO!!!

Se non ci credi consulta il sito:
e fatti due conti…


8 - “Utili delle banche italiane del periodo 2001-2012 = 15'000 Mld di euro

“Ma ora parliamo di numeri che interessano TUTTI, specie per le nefaste conseguenze della spending review (una “sobria” formula dialogale per indicare “brutali tagli allo stato sociale“) che già stiamo provando ma ancor più proveremmo sulla nostra pelle nei prossimi mesi, mentre, invece, i padroni dei politici NON eletti NON saranno toccati.
Negli ultimi 11 anni le SOLE banche italiane hanno totalizzato UTILI per 15'200 MLD € i quali sono stati accuratamente nascosti nelle Fondazioni bancarie (che NON pagano nemmeno l’IMU, come prima NON pagavano nemmeno l’ICI) e, se avessero pagato tasse solo per il 14% (cioè circa la META’ di quello che versiamo noi lavoratori ed imprese), avrebbero dovuto dare allo Stato circa 190 MLD € all’anno (altro che finanziarie rigorose, senza equità e senza sviluppo, con fallimenti a catena e suicidi pure ma con un “sobrio” silenzio dei bancocrati Mario Morti e Giorgio Napolitano sulle sofferenze del popolo…)”

Come fanno le banche a fare utili? Creano danaro dal nulla al costo di circa 15 cent per banconota (tra carta, inchiostro e lavoro di stampa) ma, per darla agli Stati (cioè a noi, popolo sovrano) pretendono dei BOT o CCT (insomma titoli di Stato VALIDI) quindi, in un sol colpo, si appropriano del capitale e degli interessi. É chiaro, ma questo gli economisti paludati non lo dicono, che la “cartaccia” euro acquista valore SOLO nel momento in cui noi la accettiamo in pagamento del nostro LAVORO (cioè dei PRODOTTI che realizziamo e dei SERVIZI che forniamo). Il paradosso di questo debito truffaldino che contraiamo involontariamente è che, se anche volessimo e potessimo restituire TUTTI gli euro a nostra disposizione, NON potremmo MAI pagare gli interessi (ecco anche spiegato perché il debito pubblico aumenta continuamente e copiosamente, non la favoletta che “abbiamo speso più di quanto potevamo permetterci”).
I banchieri quando compiono questa truffa la chiamano “iniezione di liquidità” o “leva monetaria” (come lo scassinatore che rompe la saracinesca del negozio con il piede di porco) mentre la scarsità di danaro la chiamano “money crunch” (stretta creditizia, nel senso che stritolano le imprese e le persone fisiche NON prestando a esse il danaro necessario per il flusso di attività quindi facendo fallire industria e lavoratori). 



9 - Industria cancellata = italiano impiccato

A riguardo, non una parola di cordoglio e mortificazione per le vittime dell’usura di Stato, o di speranza nel futuro e di conforto a color che sono sopravvissuti sono giunte dal “sobrio” governo di Rigor Montis e dell’alto traditore Napolitano.

Ma non basta ancora, la truffa prosegue ancor peggio col metodo della RISERVA FRAZIONARIA: che significa?
Che le banche devono detenere in contanti solo il 2% della moneta virtualmente posseduta quindi possono “creare moneta dal nulla” con il semplice trucco contabile seguente. Non so se avete presente il libro della partita doppia, quello che qualunque azienda deve detenere: sulla colonna SINISTRA si mettono, ad esempio, le ENTRATE e, quindi, su quella di DESTRA le USCITE. Quando io porto 1 EURO in banca (ad esempio, perché vi deposito lo stipendio) la banca segna sulla colonna SN “1 euro” a mio credito ma, subito dopo, sulla colonna DS, “scrive” 10 0ppure 20 … fino a 50 euro a debito di persone che vanno a chiedere dei prestiti. Sul mio euro la banca mi paga un piccolo interesse “creditore” mentre su quelli della colonna di DS riceve dei cospicui interessi “debitore”.

Che cosa credete che succeda quando qualcuno di quei creditori restituisce il prestito ricevuto, che la banca cancelli gli euro INDEBITAMENTE creati? Nooo!! Essa li scrive sulla colonna di SN ed il giochetto ricomincia e va avanti per infinite volte: essa si è comportata, né più né meno come un FALSARIO ma, differenza di quest’ultimo, pretende ANCHE gli INTERESSI su danaro che NON ha prodotto e NON ha nemmeno a disposizione ma solo DICHIARATO di avere!!!  Con la moneta elettronica (le cosiddette CARTE di CREDITO ma dovremmo chiamarle più coerentemente carte di DEBITO…) il gioco è ancora più veloce perché il controllo è, in pratica, inesistente.

Come si spezza questo perverso, satanico circolo vizioso?? Ad esempio con l’uscita dall’euro, col rifiuto di pagare il debito illegale (ma di questo parleremo la prossima volta) e con la MONETA COMPLEMENTARE (vedi sempre il fumetto “La truffa del signoraggio” sul mio blog).
Anche il più piccolo comune ha il potere di emettere moneta che è sicuramente meglio dell’EURO perchè è garantita con BENI COMUNALI i quali non sono mai miseri (per l’Italia basta andare a controllare sul sito dei Beni Demaniali Statali, Provinciali e Comunali, dei Beni Patrimoniali Mobili ed Immobili che sono delle liste enormi, controllare sul sito del Demanio

Per vedere i beni demaniali vai sui link:



oppure

 


10 - Siti del demanio.

E allora dove la si può trovare ‘sta moneta complementare? Dobbiamo aspettare lo sforzo di consapevolezza (e coraggio) dei sindaci o di qualche saggio e colto seguace di Auriti e di Gesell?
In realtà un tipo di moneta complementare c’è già e praticamente tutti gli adulti l’hanno usata (dandola od accettandola), almeno una volta: sono gli ASSEGNI 



11 - assegno = prima moneta complementare

che sono nati come “note di banco” (o banco-note) nel tardo medioevo. I commercianti trovavano più comodo e sicuro viaggiare con un semplice foglietto (con il quale la banca garantiva che essi erano in possesso di un determinato quantitativo d’oro e/o argento) invece che con pesanti lingotti o monete e le banche hanno cominciato ad emettere più “foglietti” di quanto oro/argento avessero nelle casseforti (tanto chi andava più a controllare?). 

Comunque l’argomento signoraggio non è esaurito e faremo un’altra puntata. Un saluto ed un ringraziamento a chi ha stimolato la mia evoluzione come Alba Mediterranea, l’Accademia della libertà di Giuseppe Turrisi, Giorgio Vitali, Orazio Fergnani, Enrico Bianchi, il Parlamento delle Due Sicilie – Parlamento del Sud coordinato dal prof. Vincenzo Gulì, a chi ha collaborato per la realizzazione di questo filmato ed a chi ha avuto la pazienza di guardarlo.
Ad majora.


0 commenti:

Post più popolari

Blog Archive

Lettori fissi

Powered by Blogger.